La progettazione sostenibile del nuovo edificio è basata sul concetto del risparmio di risorse e minima produzione di inquinamento in tutte le fasi del suo ciclo di vita:
le risorse (acqua, vento, sole vegetazione, ecc) vengono considerate come materiali fondamentali dell’architettura, realizzando così un progetto di un sistema iterativo dinamico tra edificio e ambiente. Attraverso l’impiego di materiali biocompatibili e il raggiungimento di idonei livelli di comfort termo – igrometrico, acustico e visivo, viene garantito un miglioramento della condizione psicofisica di coloro che abiteranno la nuova costruzione .

Il progetto sostenibile, nella ricerca di nuove forme per il soddisfacimento funzionale si pone i seguenti obiettivi:

  • rispetto per il luogo e per gli abitanti, integrare quindi l’edificio nel contesto in cui viene inserito;
  • diminuzione delle emissioni inquinanti in aria, acqua e suolo;
  • risparmio dell’energia;
  • utilizzo delle risorse naturali rinnovabili;
  • incremento del comfort e della salubrità degli ambienti;
  • utilizzo di materiali non nocivi all’ambiente e all’uomo e preferibilmente materiali locali;
  • concepire edifici flessibili ad eventuali rimozioni sostituzioni o integrazione degli impianti e a possibili cambiamenti di destinazione d’uso.

 

Un’accurata analisi del sito unitamente alla definizione degli obiettivi permettono di operare le opportune scelte progettuali trovando la giusta combinazione tra caratteristiche dimensionali, tecnologiche distributive e orientamento dell’edificio:
forma e orientamento
illuminazione
involucro
ventilazione naturale
utilizzo dell’acqua